UNIAMOCI TUTTI IN QUESTA BATTAGLIA, PER ESSERE IN TANTI E PER DARE UN CONTRIBUTO DECISIVO.

Le ultime settimane in Cina sono state straordinarie per Animals Asia e hanno visto crescere una protesta popolare senza precedenti contro le fattorie della bile. L’intera industria è stata costretta ad attuare una strategia difensiva ed è protagonista sui media di una condanna trasversale.

Animals Asia ha lavorato per porre fine alle fattorie della bile in Cina per circa vent’anni e mai,nella sua lunga esperienza, era accaduto qualcosa del genere. Centinaia di migliaia di persone hanno unito le loro voci sul web, schierandosi contro un mercato che vede gli orsi imprigionati a vita e torturati oltre ogni immaginazione. Lo stesso Governo Cinese ha consentito una discussione libera e senza censura, conscio che mai come ora il paese ha bisogno di rifllettere sulla condizione e il benessere degli animali.

Questa eccezionale rivoluzione è stata una reazione al tentativo della Guizhen Tang, una delle fattorie della bile più grosse del paese, di quotare le proprie azioni alla borsa di Shenzhen, seguita dall’affermazione che gli orsi non sentono dolore nel corso dell’estrazione.

La Guizhen Tang è ancora in attesa che la sua offerta pubblica sia approvata, nella speranza che questa operazione possa finanziare l’espansione dell’azienda e aumentare il numero di esemplari che detiene da 400 a 1200.

I numerosi giornalisti locali invitati dall’azienda a testimoniare la pratica di estrazione presso un loro stabilimento, non sono stati affatto impressionati dalla messinscena. Allo stesso modo, non hanno creduto alle dichiarazioni fatte dall’Associazione Cinese di Medicina Tradizionale nelle quali Animals Asia viene accusata di nuocere alla stessa Medicina Tradizionale.

L’indignazione ha raggiunto il suo apice quando il repsonsabile dell’Associaizone Cinese di Medicina Tradizionale ha dichiarato, nel corso di una conferenza stampa che “il processo di estrazione della bile di orso è semplice, naturale e indolore come aprire un rubinetto”. Animals Asia ha dunque tenuto una conferenza stampa a Pechino, nella quale è stata richiesta la formulazione di un calendario per la dismissione graduale delle fattorie della bile. La conferenza era gremita di giornalisti cinesi e stranieri.

Le conoscenze e i dati acquisiti grazie all’esperienza con gli orsi liberati dalle fattorie della bile, ha permesso ad Animals Asia di confutare le affermazioni avanzate dall’industria della bile.

Uno studio condotto su 165 orsi sottoposti all’estrazione free-drip ha rivelato che il 99% di essi ha la cistifellea danneggiata irreparabilmente, il 34% presenta ernie addominali, il 22% ha calcoli biliari, il 34% ha ascessi interni mentre il 4% ha la peritonite. Molti degli orsi nella nostra riserva naturale presentano combinazioni multiple delle condizioni patologiche sopra descritte.

Nel corso della conferenza stampa, inoltre, abbiamo reso pubblico un video shock,girato sotto copertura, che documenta l’atroce realtà delle fattorie della bile. Il documento, che mostra orribili violenze, è stato filmato segretamente tra il 2009 e il 2010 da un gruppo di produttori e registi cinesi indipendenti che si sono spacciati compratori per avere accesso alle fattorie della bile in 6 province del paese.

Anche la leggenda del basket Yao Ming, uomo umile e dall’animo gentile, è ora diventato una delle voci più forti in difesa degli orsi. Altre celebrità cinesi, esponenti della Medicina Tradizionale, grandi imprenditori e rappresentanti del mondo accademico, chiedono oggi la fine di questa industria.

Il processo di trasformazione è in corso ed è ora a un punto di svolta.L’aiuto di tutti è indispensabile per accelerare il percorso di chiusura delle crudeli fattorie della bile.

Ognuno di noi può aiutare con una semplice donazione. Per sapere come, visita il sito www.animalsasia.it

Qui trovi il video girato sotto copertura, che mostra gli abusi subiti dagli orsi nelle fattorie della bile cinesi – senza alcuna prevenzione igienica e avvalendosi di metodi dichiarati illegali da anni:
http://www.youtube.com/watch?v=dGhhuoYD7ag

Il video intero, 45 minuti, ancora con sottotitoli in cinese lo trovi qui (è su youku…una specie di youtube asiatico, ovviamente incomprendibile!):

http://v.youku.com/v_show/id_XMzU4MDI1ODA4.html

E’ davvero un momento storico incredibile: ci aspettiamo un pronunciamento del Governo Cinese…che potrebbe davvero pianificare un programma di dismissione delle fattorie della bile (magari in 5-10 anni).

Antonello Palla
Italy Communications Manager
Animals Asia Foundation
via XX settembre 26/5
16121 – Genova
Tel. 010 0981670
Web: www.animalsasia.it
Blog: www.orsidellaluna.org
E-mail: apalla@animalsasia.it

 

 

No Comments

© 2016 A Noi La Parola. All rights reserved.
We are still developing the site. Thank you for your patience.