NELL’AMBITO DELLE MANIFESTAZIONI PER IL CENTOCINQUANTESIMO ANNIVERSARIO DELL’UNITA’ D’ITALIA,  LA FONDAZIONE ED IL GIORNALE L’OTTIMISTA INSIEME PER LA PRESENTAZIONE DELL’ULTIMO LIBRO DI FRANCESCO PAPPALARDO “IL MITO DI GARIBALDI”

APPUNTAMENTO IL 3 DICEMBRE ORE 18,00 – UNIVERSITA’ EUROPEA DI ROMA, VIA DEGLI ALDOBRANDESCHI 190.

Francesco Pappalardo socio onorario dell’Istituto Storico dell’Insorgenza e per l’Identità Nazionale (ISIIN), consigliere parlamentare presso il Senato della Repubblica, Presidente dell’Istituto per la Dottrina e l’Informazione Sociale (IDIS), di Roma, direttore Editoriale di “Cristianità”, autore di diversi libri riguardanti il Risorgimento, cercherà di chiarire i tanti problemi che caratterizzarono la storia dell’unità d’Italia.

Nel corso del dibattito cercheremmo di rispondere a domande quali: Sarebbe stato possibile liberare il sud senza l’impresa dei Mille? Si poteva realizzare l’Italia federale fin dal principio? Davvero la massoneria pensava di utilizzare il Risorgimento italiano per cancellare il soglio di Pietro? E’ Vero che Garibaldi mirava a realizzare una Nuova Italia radical-socialista? Perchè tanto odio contro la Chiesa cattolica da parte delle elitè massoniche? E quali erano i rapporti tra Garibaldi e la Massoneria? Che cosa fece fallire il progetto di un Italia federale di Pio IX? Quali e quanti sono i patrioti di fede cattolica che hanno contribuito all’Unità d’Italia?

L’incontro-dibattito, sarà moderato da Antonio Gaspari e mira ad approfondire e conoscere le buone ragioni e i personaggi virtuosi che hanno contribuito all’Unità d’Italia, depurando la storia dalla mitologia di personaggi e ideologie lontane dal popolo italiano.

IL MITO DI GARIBALDI. UNA RELIGIONE CIVILE PER UNA NUOVA ITALIA.

FRANCESCO PAPPALARDO – SUGARCO EDIZIONI.

2010 PP.240

A centocinquant’anni dall’unificazione politica italiana il mito risorgimentale, su cui si fonda la storia dello Stato nazionale, non è entrato a far parte della memoria collettiva degli italiani. Se l’Unità, evento di carattere politico reso necessario dalle difficoltà di convivenza insorte fra gli Stati europei in età moderna, che rendevano ardua la sopravvivenza dei piccoli Stati, ha trovato consensi, pur di natura eterogenea, il Risorgimento, processo culturale mirante a «modernizzare» la millenaria identità del Paese, non ha raggiunto lo scopo di separare l’Italia dal suo ethos tradizionale cattolico. L’opera di unificazione ideologica è fallita e la costruzione della nuova Italia ha colpito un elemento primario della «nazionalità spontanea» degli italiani, cioè il senso di appartenenza religiosa. L’omogeneizzazione delle istituzioni e la creazione di un forte Stato centralista hanno aperto due ulteriori ferite, una di natura politica e istituzionale, la cosiddetta Questione Settentrionale, e l’altra di carattere più culturale che economico, nota come la Questione Meridionale, con effetti che si fanno sentire ancora oggi. Giuseppe Garibaldi, uno degli artefici principali dell’Unità, è stato protagonista attivo anche del Risorgimento, contribuendo a diffondere un’ideologia relativista e laicista e a porre le basi di una liturgia civile totalmente svincolata da una tradizione religiosa specifica e alternativa rispetto alle radici cristiane e allo stretto rapporto con la Chiesa cattolica che ha sempre caratterizzato la vita della nazione italiana.
Francesco Pappalardo è socio benemerito di Alleanza Cattolica, del cui organo ufficiale Cristianità è direttore editoriale, presidente dell’IDIS, l’Istituto per la Dottrina e l’Informazione Sociale, di Roma, socio onorario dell’ISIIN, l’Istituto Storico dell’Insorgenza e per l’Identità Nazionale,di Milano, consigliere parlamentare nel Senato della Repubblica. Cultore di storia, è autore di saggi, fra cui Il mito di Garibaldi. Vita, morte e miracoli dell’uomo che conquistò l’Italia (2002), Il brigantaggio postunitario. Il Mezzogiorno fra resistenza e reazione (2005) e Il Risorgimento (2010), e di contributi a opere collettanee, fra cui Franco Cardini (a cura di), Processi alla Chiesa. Mistificazione e apologia (1994) e Oscar Sanguinetti (a cura di), Insorgenze antigiacobine in Italia (1796-1799). Saggi per un bicentenario (2001). Ha curato, con Giovanni Cantoni, Magna Europa. L’Europa fuori dall’Europa (2006).

No Comments

© 2016 A Noi La Parola. All rights reserved.
We are still developing the site. Thank you for your patience.