OTTOBRE 2010: INAUGURA IL DAMING PALACE DI XIAN CON LE CREAZIONI DI ROBERTO CAPUCCI.

L’occasione di altissimo prestigio che viene offerta a Roberto Capucci è rappresentata da un evento di portata mondiale che riguarda l’evoluzione culturale della Cina contemporanea: infatti, un pezzo di patrimonio nazionale riconosciuto dall’Unesco, il Daming Palace della dinastia T’ang, dopo 60 anni di lavori di restauro realizzati in collaborazione con “The Archaeology Research Institute of the Chinese Academy of Social Science” viene riaperto in tutto il suo splendore con una sfilata di 10 nuove creazioni realizzate dal Maestro, ispirate al sontuoso costume della tradizione.

Un lavoro su frammenti, in una piana spazzata dai venti e coperta di neve, per ricostruire un favoloso palazzo nella dinastia del massimo splendore della Cina, del periodo più prospero della storia feudale, di pace e di prosperità, che favorì il fiorire di produzioni artistiche. Gli imperatori della dinastia T’ang (618-907) – che seguì alla dinastia Sui che aveva riportato l’unità politica in Cina -, attuano una serie di interventi, di politica matrimoniale, militare e di protettorati, che vedono riunite la casa imperiale del Tibet a quella della Cina, la conquista della Corea e la nascita di relazioni con il Giappone. A questa dinastia fu seguita un’epoca di disunione nota come il periodo delle Cinque dinastie e dieci regni.

Roberto Capucci è stato selezionato dopo una valutazione che ha coinvolto i più importanti stilisti internazionali, inclusi i principali fashion designer cinesi di nuova generazione: è stato votato dal 99 % dei membri del Comitato costituito per l’occasione. Il rapporto di Roberto Capucci con la Cina risale al 1995, con la presentazione di una sfilata ai membri del Governo su invito del Ministro del Tessile Signora Wu in occasione della manifestazione  internazionale “La Via di Marco Polo”. Nella stessa circostanza è stato insignito dal Magnifico Rettore dell’”Università di Pechino”- Dipartimento Tessile e Abbigliamento – del titolo di Professore Onorario.

Il primo di ottobre, in occasione dell’inaugurazione del Palazzo, sfileranno i favolosi abiti del Maestro realizzati con le preziose sete mikado, raso, organza, taffetas, nei toni del giallo, del verde, dell’azzurro e del blu, del rosa e del viola, colori tipici dei costumi della tradizione T’ang, ricoperti di ricami preziosi e abbinati a copricapo fantastici e bijoux ideati dal Maestro; completano gli accessori le magnifiche decolleté realizzati dal famoso calzaturificio di lusso di Roberto Botticelli che ha ripreso i colori di Capucci selezionando preziosi pellami, scelti personalmente per questa occasione unica. Le forme ricordano e celebrano le linee architettoniche tipiche della Cina, la pagoda e il dougong: in particolare l’abito in mikado rosso e arancio, che è dedicato alla città di Xian e al Daming Palace, ricorda nel copricapo un elemento architettonico tipico della tradizione che simboleggia la buona sorte.

Il complesso del Daming Palace copriva un’area di 3,5 kmq, con 7 km di mura perimetrali e 11 porte; i 3 palazzi all’interno erano andati completamente distrutti, per questo i tempi di intervento sono stati così lunghi. Intento del Governo Cinese, della Municipalità di Xian e del Governatore di Xian, è la creazione di un’area più grande, più di 19 kmq, che includa ben 7 palazzi – i tre principali centrali Hanyuan Palace, Zichen Palace, Xuanzheng Palace, e gli altri Qingsi Palace, Sanqing Palace, Dafu Palace, Yanying Palace -, un bellissimo parco con giochi d’acqua e laghetti e statue, e la ricostruzione del giardino reale della Cina con peonie, crisantemi, rose, bambù, mandorli. Il progetto nel suo complesso è costato all’incirca 12 bilioni di yuan.

Il Daming Palace diventerà un luogo ricreativo nella Provincia di Shaanxi e un Museo della storia della Dinastia T’ang, che regnò sulla Cina per 289 anni. L’epoca T’ang si distinse per il realismo e il vigore delle arti, per una produzione pittorica e scultorea varia e preziosa. Il Daming Palace fu il centro della vita politica, economica e culturale durante questo periodo della storia cinese. Più di 17 imperatori vissero nella maestosa costruzione, centro del governo del Paese. Ora il Daming Palace National Heritage Park accoglierà in modo permanente l’esposizione di oggetti di arte decorativa, un museo della calligrafia, riservando uno spazio stabile alle meravigliose opere di Roberto Capucci. Nei saloni oltre alle mostre, verranno organizzati importanti eventi ed iniziative culturali.

Si ringrazia:

Platino S.r.l. di Como per i tessuti

Antica Manifattura Cappelli di Roma

Le foto delle creazioni di Roberto Capucci sono di Fiorenzo Niccoli

No Comments

© 2016 A Noi La Parola. All rights reserved.
We are still developing the site. Thank you for your patience.