SICUREZZA STRADALE: 4,5 MILIONI  DI EURO A POTERI FORTI ED AMICI. IN TEMPI DI SACRIFICI PER I CITTADINI E DI TAGLI AL BILANCIO DELLO STATO, FINANZIATE LA FONDAZIONE DELLE COMPAGNIE DI ASSICURAZIONE E ORGANIZZAZIONI SCONOSCIUTE NEL CAMPO DELLA SICUREZZA STRADALE, MOLTE VICINE AGLI EX A.N.

Le “ragioni” della Fondazione Luigi Guccione Onlus che presenta un esposto-denuncia alla Procura della Repubblica. La “rabbia” delle altre Organizzazioni che annunciano battaglia e chiedono giustizia.

Roma, 25 giugno 2010. Ieri mattina alla Camera dei Deputati è stato illustrato l’esposto-denuncia che la Fondazione Luigi Guccione Onlu ha presentato alla Procura della Repubblica di Cosenza. Decine di associazioni sostengono l’azione della Fondazione Luigi Guccione Onlus – presenti all’incontro o che hanno mandato mail di adesione – perché la magistratura accerti la regolarità degli atti e perché il Ministero della Gioventù faccia chiarezza sui progetti finanziati con 4,5 milioni di euro.

Che la Fondazione di proprietà delle Compagnie di Assicurazione si aggiudichi circa 300 mila euro non è solo inopportuno ma anche al limite della legittimità: infatti il progetto presentato è già un progetto in essere da anni ed è da verificare se non abbia ricevuto già in passato fondi pubblici.

C’è poi la questione della Commissione giudicatrice: i suoi componenti sono stati individuati tra una rosa di esperti di sicurezza stradale? O meglio, perché non si è attinto tra le competenze presenti nella Segreteria Tecnica della Consulta Nazionale per la Sicurezza stradale presso il CNEL ed al cui interno ci sono quelle del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti che invece non sono state nemmeno coinvolte in fase di preparazione del bando?

A noi risulta, poi, che due dei 4 componenti (il dott. Piermarco Scarpa e la dott.ssa Rita Di Quinzio ) lavoravano in passato presso il Gruppo di Alleanza Nazionale della Regione Lazio: oltre a questo sono in possesso di altri requisiti e competenze in materia di sicurezza stradale in grado di valutare e comparare la qualità dei progetti chiamati a valutare? All’interno della Commissione c’erano invece altre competenze in materia di sicurezza stradale? Appartenere ad un Partito politico non deve significare discriminazione. Infatti in Italia ci sono bravi esperti di sicurezza stradale di area centrodestra ed An, solo che non erano in quella commissione di valutazione!

Poi ci sono tante associazioni, molte di interesse locale, senza competenze in materia: tra gli esperti del settore infatti non sono conosciute (potete vedere nell’allegato dossier sintetico). L’ASICIAO di Roma, AGENZIA PER LO SVILUPPO E L’INNOVAZIONE ONLUS di Napoli, la COOPERATIVA SOCIALE PROMOZIONE di Acireale (CT), l’ACUDIPA di Foggia, l’ASSOCIAZIONE PEDAGOGICA DELLA CIRCOLAZIONE di Taranto, una scuola privata parificata di Torre del Greco, la SOCIETA’ COOPERATIVA LA GINESTRA, l’ASSOCIAZIONE HIPOCRITES di Napoli, l’ASSOCIAZIONE HELP HANDICAP di Avezzano (AQ), CREATIV SOCIETA’ COOPERATIVA SOCIALE di Reggio Emilia, GIOVANI PROFESSIONISTI ITALIANI di Roma, FONDAZIONE PER LA CURA DELL’OSTEOPOROSI E DELL’ARTROSI di Roma , l’ACI di Genova, ICS ASSOCIATI di Rende (CS).

Quest’ultima nel suo territorio non è conosciuta e dal sito si evince un’unica iniziativa progettuale del 2007 con i Fondi POR Calabria 2000/2006.

E dopo un mese dalla verifica anche una nel 2009 ma non sulla sicurezza stradale. E non risulta essere domiciliata al numero civico indicato. E con un fax indicato sul sito e nella graduatoria del bando stesso che corrisponde ad utenza telefonica di altra società, la Energia Ambiente e Finanza Srl, domiciliata altrove (!).

A colpo d’occhio appaiono per lo più organizzazioni senza particolari “expertise sulla sicurezza stradale ” e per quanto a nostra conoscenza senza avere negli oggetti sociali e negli statuti la sicurezza stradale a fronte di 3 organizzazioni (FLG, AIFVS e AEFVS) sorte in rappresentanza delle vittime, delle utenze vulnerabili e dei giovani in particolare.

I progetti proposti per il bando dovrebbero avere, poi, una base multi regionale ma molte delle organizzazioni hanno un’area “d’azione” localistica e non fanno parte nemmeno della Consulta Nazionale per la Sicurezza Stradale. Sono ignote a questo mondo. Non si capisce, inoltre, dalla graduatoria quali organizzazioni siano ONLUS, quali APS (Ass. promozione Sociale), quali Cooperative Sociali per le quali era necessario fornire anche lo statuto e quindi verificabili oggetto sociale e finalità (la sicurezza stradale c’è negli statuti, è prevalente?).

Alcuni dei progetti finanziati sono a carattere ripetitivo (ANIA, Associazione pedagogica della circolazione): da anni, con lo stesso titolo sono portati in giro per l’Italia, sono finanziati da Enti Locali e/o Ministeri e ripetuti, appunto, anno dopo anno. Perché finanziare il “vecchio” e già conosciuto e che non produce i risultati attesi (verificabili)?

Da qui la richiesta alla Procura della Repubblica di Cosenza se si ravvisano ipotesi di reato.

E mentre ci si accinge a discutere di Legge Finanziaria (senza menzionare ancora la sicurezza stradale) si distribuiscono fondi a poteri forti ed amici. Nel silenzio, finora, del Parlamento tutto e della stampa tutta, giornali e televisioni.

Non ci resta che sperare nell’azione della magistratura e verificare anche un ricorso alla di giustizia europea. Nei prossimi giorni con le altre Organizzazioni che – dopo il nostro esposto-denuncia – si sono dichiarate disponibili ad iniziative comuni decideremo se attivare altri esposti-denuncia presso altre Procure delle province italiane.

FONDAZIONE LUIGI GUCCIONE,, ONLUS, Ente Morale (Decreto Ministero dell’Interno 27.01.2000) SEDE OPERATIVA: Centro Argonauta, Piano 3°, Scala B1, Viale Ostiense 131/L, 00154 ROMA– Tel & Fax 0578.228065

e-mail: flgonlus@gmail.com- Presidente: Giuseppe Guccione – cell. 393.3322565

FLG PER I GIOVANI E LA SICUREZZA STRADALE

Le molte iniziative con e per i giovani hanno preso le mosse da una serie di importanti iniziative di elaborazione programmatica, d’iniziativa nei confronti dei media e delle istituzioni locali e nazionali:

1. A Scilla (RC), il 3 e 4 ottobre 2003, ha tenuto un convegno nazionale (L’insicurezza stradale: la Scilla e Cariddi dei giovani) dove è stata presentata l’indagine dell’Istituto Superiore di Sanità nell’indagine “Guida e comportamenti a rischio” AMR 2003 (35.000 questionari distribuiti e raccolti) dove hanno partecipato amministratori locali, parlamentari nazionali e europei, esperti, organizzazioni di vittime e della società civile. Al convegno di Scilla sono state presentate una Carta di diritti e dei doveri dei giovani per la sicurezza stradale, (proposta del guidatore designato – designater driver – per giungere ad un accordo Governo-Anci-Imprese locali da ballo- organizzazioni per contrastare il fenomeno delle stragi del sabato sera), una Carta dei diritti delle vittime, Carta dei diritti dei bambini e un vademecum per le vittime (cosa fare in caso di incidente). Pubblicato un volume/libro di 160 pagine. Oliviero Toscani ha realizzato il marchio ”insicurezza stradale”, Alessandro Ferrari l’immagine del convegno e lo Studio TUTTOALTO la grafica.

2. Medaglia d’argento della Presidenza della Repubblica italiana alle iniziative promosse dalla Fondazione Luigi Guccione Onlus organizzate per la Giornata Mondiale della Salute (7 aprile 2004, Organizzazione Mondiale della Sanità) e la Settimana Mondiale per la Sicurezza Stradale (5/11 aprile 2004, ONU). La Fondazione Luigi Guccione Onlus in collaborazione con FISICO (Fondazione Italiana per la Sicurezza della Circolazione Onlus) ha romosso il FORUM NAZIONALE I GIOVANI E LA SICUREZZA che si è tenuto il 7 APRILE 2004 a Roma alle ore 15 presso il Centro Congressi Cavour, durante la Giornata Mondiale della Salute, al quale hanno partecipato rappresentanti di circa 40 organizzazioni giovanili che associano 2.500.000 giovani.

3. Il 18 maggio 2004, nella convinzione che sia indispensabile mettere in atto strategie ampiamente concordate e condivise di contrasto alla mortalità giovanile a seguito di incidenti stradali, è stato firmato da Provincia di Roma, Prefetto di Roma, Fondazione Luigi Guccione, SILB-FIPE (Associazione Imprenditori Locali da Ballo), SIPSiVi (Società Italiana di Psicologia della Sicurezza Viaria), un Accordo Volontario per la sicurezza stradale degli utenti delle discoteche e dei Locali da ballo. L’accordo prevede, tra le altre iniziative, l’istituzione del Guidatore designato (un giovane che si impegna a non bere e a portare altri giovani in sicurezza a casa al quale viene offerto l’ingresso al locale e/o una consumazione analcolica gratuiti).

4. PILOTA PER LA VITA 2009/10 (Premio di Rappresentanza del Presidente della Repubblica Italiana).

Sicurezza stradale: incontri informativi/formativi con gli studenti delle scuole del secondo ciclo. E’ un evento multimediale e interattivo, ideato per i giovani utenti della strada ‐ età 14 /18 anni ‐ negli Istituti scolastici coinvolgendo più classi contemporaneamente (120 /150studenti per ciascun incontro).Il luogo deputato agli incontri è la palestra dei singoli Istituti di volta in volta coinvolti; lo spazio è allestito con elementi scenici particolarmente suggestivi sul piano della comunicazione e della interazione tra esperti e partecipanti. Il progetto “itinerante” nell’anno scolastico 2009/2010:

 Raccogliere il sincero punto di vista dei giovani sul “vivere la strada”, dando voce diretta a ragazzi e alle ragazze per favorire sviluppo di responsabilità e stili di guida più sicuri (con il loro mezzo abituale);

 Nell’ottica della prevenzione, sensibilizzare i giovani e i motociclisti rispetto ai fattori di rischio a cui sono esposti;

 Sollecitare consapevolezza rispetto agli errori e far acquisire una maggiore abilità nel percepire il rischio reale;

 Promuovere dimensioni di responsabilità civica rispetto all’uso del trasporto pubblico come mezzo sicuro, economico e meno inquinante.

La parte multimediale di Pilota per la vita è costituita da grafiche e scritte accattivanti che interagiscono con i dibattiti, oltre ad alcune clip video di repertorio (crash test e spot di campagne sulla sicurezza di diversi paesi europei degli ultimi anni). Realizzati alcuni SPOT ORIGINALI (video ideati e prodotti in esclusiva per il progetto), girati direttamente nella città ospitante, con lo scopo di sensibilizzare i ragazzi all’utilizzo dei mezzi pubblici e a soluzioni di mobilità sostenibile nell’ambiente urbano in cui vivono. Tutto in DVD VIDEO.

Ill.mo PROCURATORE DELLA REPUBBLICA

PRESSO IL TRIBUNALE DI COSENZA

p.c. PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Dipartimento della Gioventu’

Esposto Denuncia

Il sottoscritto Giuseppe Guccione nato a Rende il 18 /06/1956 nella sua qualità di Presidente della Fondazione Luigi Guccione sedente in Cosenza alla via Vicoletto Padolisi n.6 espone quanto segue:

Con “bando di concorso per la sicurezza stradale approvato con decreto del Capo Dipartimento in data 30/12/2008 e pubblicato nella G. U . n. 18 del 23/01/2009 “ la Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Gioventù indiceva concorso allo scopo di promuovere progetti finalizzati al miglioramento della sicurezza stradale anche attraverso attività di formazione, iniziative di divulgazione e sensibilizzazione nei confronti dei giovani, volte a promuovere modelli di comportamento responsabili alla guida nel rispetto delle regole del codice della strada. Quali oggetto del suddetto bando il dipartimento indicava i progetti , destinati in particolare a giovani fino a 35 anni, intenti a perseguire il miglioramento della sicurezza stradale e la progressiva riduzione del numero delle vittime e degli incidenti stradali. Le risorse programmate a favore del concorso specificato venivano in un primo momento stabilite nell’importo di € 3.000.000,00 ( tre milioni di euro) e successivamente, nel gennaio 2010, aumentate di un ulteriore €1.500.000,00 ( un milione e cinquecento mila euro) in più. Soggetti proponenti potevano poi essere : le organizzazioni di volontariato, le cooperative sociali, gli enti di promozione sociale,le organizzazioni non lucrative di utilità sociale, le fondazioni e gli enti pubblici non economici. La valutazione dei progetti veniva affidata ad una apposita commissione nominata la quale avrebbe provveduto con attribuzione di punteggio da 0 a 100 sulla base di indicatori e criteri così ripartiti:

1) qualità della proposta sotto il profilo organizzativo, gestionale, delle risorse impiegate – punti da 0 a 35; 2) rilevanza , dimensione , del grado di efficienza ed efficacia dell’intervento …omissis…. – punti da 0 a 25; 3) esperienza, competenza e capacità organizzativa del soggetto proponente degli eventuali partners….omissis…..- punti da 0 a 25;

4) pianificazione finanziaria, preventivo economico e fattibilità dell’intervento- punti da 0 a 15.

In data 18/03/2010 sia sulla Gazzetta Ufficiale che sul sito del Dipartimento della Gioventù veniva pubblicata la graduatoria dei progetti ammessi a finanziamento che ha visto al primo posto l’Ania, 2° ICS associati, 3°AGCI, 4° Ass.ne Hypocrites , 5° Giovane Professionisti Italiani, 6°ass.ne Help Handicap , 7° ASICIAO Dir. Nazionale, 8° Coop. Soc. Promozione, 9° Fondazione Aila Onlus, 10° ACUDIPA, 11° Agenzia Per Lo Sviluppo e L’innovazione Onlus, 12° Creativ Società Coop. Sociale, 13° Coop. HELP, 14° Soc. Coop. La Ginestra , 15° Automobil Club Genova, 16° Ass.ne Pedagogica della circolazione.

Dalla disamina della su indicata graduatoria emerge con chiarezza che tutte le principali organizzazioni aventi competenza specifica in materia nonché annosa peculiare esperienza sono rimaste escluse dal concorso e tra questi: 1) l’Ass. Europea Familiari e Vittime della Strada posizionatasi al 46° posto ; 2) Fondazione Luigi Guccione al 56° posto; 3) Associazione Familiari e Vittime Strada all’82° posto. Vi è di piu! Anche per quanto concerne i componenti della Commissione esaminatrice delle domande risultano essere non conosciuti nell’ambito della sicurezza stradale come esperti. Emerge altresì che al primo posto vi è la fondazione dell’Ania ossia raggruppamento delle imprese assicurative con cui le famiglie delle vittime della strada devono comunque trattare energicamente al fine di ottenere gli equi risarcimenti finendo spesso nelle aule di Tribunali. Tutte le altre vincitrici di concorso risultano essere piccole associazioni completamente sconosciute nel settore di che trattasi senza specifiche competenze in materia di sicurezza stradale. Per meglio esplicitare quasi tutte le vincitrici di concorso risultano essere particolarmente vicine ad AN. Tanto emerge se si considera che : Asiciao organizzazione di cui due anni fa si è occupata la stampa per finanziamenti avuti dal comune di Roma per la festa di carnevale in tre municipi . L’ubicazione della sede di Asiciao coincide con l’indirizzo del comitato elettorale di Francesco Filini, assessore PDL del IV Municipio, dove peraltro l’assessore riceve i cittadini. Filini risulta essere l’assessore che ha firmato la memoria di giunta per approvare la delibera di spesa relativa all’organizzazione della festa. Quanto suddetto viene meglio specificato nel reportage che si allega da considerarsi parte integrante del presente esposto. Così anche l’Agenzia per lo Sviluppo e L’innovazione Onlus di cui è presidente Fabio Bolletti Censi, imprenditore nel settore della formazione e dell’edilizia, considerato tra le persone più vicine ad AN. Acudipa invece ha come presidente Giuseppe Mammana anche lui già consulente della Presidenza del Consiglio dei Ministri sulle dipendenze. L’associazione Pedagogica della circolazione poi, avente come Presidente Indiveri, di cui si disconosce e la costituzione e la natura del tipo di associazione, sponsorizza da circa sei anni sempre lo stesso progetto che nulla ha di innovativo. Ancor più grave la posizione della ICS associati di Rende. Tale associazione non è conosciuta da nessuno, non risulta essere al numero civico indicato, il fax indicato dalla stessa e riportato nella graduatoria di assegnazione risulta persino essere intestato ad altra società e dal suo sito risulta promotrice di una sola iniziativa progettuale nell’anno 2007 con i fondi Por Calabria. Per meglio precisare ampi dubbi sorgono anche circa la scelta delle vincitrici di cui alla predetta graduatoria relativamente alla attribuzione dei vari punteggi in rapporto ai criteri prefissati.

Quanto sopra porto a conoscenza delle SS.LL. nella speranza che possano adoperarsi per contrastare gli abusi e soprusi commessi ed individuare ipotetici reati.

Distinti saluti.

Cosenza lì 31/05/2010

Firma

No Comments

© 2016 A Noi La Parola. All rights reserved.
We are still developing the site. Thank you for your patience.