dixan_(mar_2002)[1]

TIZIANO LUCCI ALLA CO2 CONTEMPORARY ART

LE SALE DELL’ABBONDANZA

a cura di

Gianluca Marziani

8 maggio – 6 giugno 2010

Inaugurazione su invito Venerdì 7 maggio ore 19.00

Giorgio Galotti è lieto di presentare la personale dell’artista italiano Tiziano Lucci. Attraverso una selezione di opere realizzate negli ultimi anni, la mostra si propone come la prima panoramica completa del complesso lavoro dell’artista romano. Artista visuale e compositore di musica elettronica, Lucci vive e opera in profonda simbiosi con la grammatica digitale, con la quale interviene su immagini fotografiche per dare corpo al suo personalissimo processo estetico e concettuale.

La sensibilità che mette in campo è quella dell’uomo contemporaneo, estesa nelle sue possibilità grazie all’utilizzo delle tecnologie più avanzate, che l’artista sfrutta per visualizzare la pluralità di stimoli provenienti dalla vita quotidiana. Il risultato è una serie di immagini spiazzanti per la qualità dell’elaborazione e per la loro potenza sinestetica, in cui la presenza simultanea di frammenti iconici, segni e sfumature impercettibili, dà vita ad una narrazione antisequenziale che nega la legge di causa-effetto in favore di una nuova logica della totalità.

palazzo_pitti_01_fl_(inizio_giu_2002)Ogni opera è frutto di un lento e impegnativo processo di elaborazione, che può protrarsi anche per anni, nel tentativo di ricostruire i processi cerebrali su cui si basano la percezione della realtà e la conseguente creazione estetica. Muovendo da un’immagine fotografica, piena mimesi della realtà, Tiziano Lucci costruisce pixel dopo pixel un apparato iconico fluttuante che si sovrappone alla concretezza di quello fattuale; ne deriva la messa in scena di un processo psichico-percettivo, al quale l’artista giunge tramite un’azione congiunta di sottrazione e addizione.

Allo spettatore è assegnato un ruolo ugualmente attivo. La decodifica dei lavori di Lucci, che mostrano, ma allo stesso tempo nascondono, è una vera sfida intellettuale; dopo una prima fase di accostamento, in cui gli strumenti utilizzati sono esclusivamente le proprie capacità cognitive, è necessario instaurare un rapporto profondamente empatico con le immagini e lasciare che le proprie percezioni si incrocino con la sensibilità dell’artista.

Come scrive Marziani: “Non esiste grande opera senza potenza simbolica e polivalenza semantica. Così come non esiste grande opera senza l’apertura all’interrogativo, stimolando l’inquietudine della comprensione altrui”. Alla luce di questo, la grandezza dei lavori di Lucci risiede proprio nella loro portata intellettuale e nella potenza quasi alchemica dei quesiti che pongono. Come oscure stanze chiuse che, con l’ausilio della giusta chiave, spalancano le loro porte e concedono l’abbondanza dei doni custoditi al loro interno.

Per l’occasione sarà presentato il catalogo “Le sale dell’abbondanza/the halls of plenty”, che raccoglie le opere di Tiziano Lucci dal 1999 al 2007, interamente curato da Gianluca Marziani.

CO2_email[2]Galleria: CO2 contemporary art

Artista: Tiziano Lucci

A cura di: Gianluca Marziani

Inaugurazione: Venerdì 7 maggio 2010 | ore 19.00

Sede: Borgo Vittorio 9b, 00193 Roma

Durata mostra: 8 maggio > 6 giugno 2010

Orari: Lunedì–Venerdì 11 > 19.30 | Sabato 16 > 19.30 | Ingresso libero

Informazioni:  t: +39.06.4547 1209 | f: +39.06.4547 3415 | info@co2gallery.com | www.co2gallery.com

Si ringrazia per la collaborazione: Svizzera Turismo

Foto didascalia: dixan_(mar_2002)[1]

Foto didascalia: palazzo_pitti_01_fl(inizio_giu_2002)

No Comments

© 2016 A Noi La Parola. All rights reserved.
We are still developing the site. Thank you for your patience.