QUAL’E’ L’IMMAGINE CHE PREVALE ALL’ESTERO DEL NOSTRO PAESE ?  

 

28.05.2011 – 11.06.2011

a cura di Cecilia Freschini

Organizzata in collaborazione con ZA.project

 

Artists: Gabriele Arruzzo, Stefano Avesani & Marcella Campa, Filippo Berta, Iginio De Luca, Salvatore Manzi, Daniele Mattioli, Girolamo Marri, Sabrina Muzi, Max Papeschi,  Alessandro Rolandi, Michael Rotondi, Giuseppe Veneziano, Giacomo Verde.

 

 

DANNO D’IMMAGINE

Qual è l’immagine che prevale all’estero del nostro Paese?

 

È parere comune che l’immagine dell’Italia stia conoscendo, in questi ultimi anni, un degrado terribile. Un declino vertiginoso che mi ha sollecitato a indagare la questione, in termini artistici, attraverso questa mostra. Nonostante l’esplicita componente sociopolitica, il progetto nasce dall’unione di tre semplici ingredienti: buon senso, responsabilità e dignità. Tali fattori sono stati poi accuratamente e consapevolmente adagiati su uno spesso strato di creatività.

Lungi dal voler incentrarsi unicamente su una persona o una situazione, questo progetto intende denunciare un concorso di colpa, di situazioni e di nomi, di cause e conseguenze che si ripercuotono a effetto domino su innumerevoli aspetti sociali: televisione e mediaticita’, censura e libertà di stampa, piuttosto che la preoccupante situazione sul piano educativo/culturale… .

L’arte è un modo per riflettere sull’esistenza ed è anche un modo per creare la realtà, o per meglio dire, di suggerire un diverso punto di vista della stessa, confluendo l’attenzione dell’osservatore su alcuni dettagli, sfumature che nella quotidianità si perdono o vengono travisati. Ritengo che l’arte debba stimolare e condurre il pubblico verso un’osservazione critica e soprattutto costruttiva.

Storicamente, una delle prime funzioni dell’arte è stata quella di essere un potente mezzo comunicativo in grado di trasmettere un messaggio forte e coinvolgente, capace, in fine, di apportare una trasformazione sociale. In sintonia con questo filone d’arte impegnata, ancora una volta, con questo progetto, intendo mettere in rilievo una valenza formativa/educativa in grado di trasmettere una reale prospettiva. In questo senso, negli ultimi anni in Italia si stanno alzando diverse voci che rivelano sinergie vivaci e dinamiche che certamente meriterebbero più spazio.

Ho chiesto ad artisti italiani residenti in Cina di fornire una suggestione artistica in risposta a questa situazione, tramite un lavoro pensato appositamente per questo progetto. In un secondo momento, ho poi selezionato i lavori di altri artisti che vivono in Italia per avere una testimonianza ‘interna’.

 

Testo di Cecilia Freschini, Beijing, maggio 2011

 

Opening Sabato 28 Maggio ore 19

con la presentazione dell’installazione sonora

di Alessandro Rolandi

a seguire…

Specific dj Set by Oscar Chirizzi

dalle 21:30 in poi …

 

DANNO D’IMMAGINE * 形象损害之 “丢人现眼”

意大利的对外形象是什么?

近几年意大利的形象衰退严重似乎已经形成了共识。由此我要通过这个展览从艺术角度来考虑这个问题。虽然有明确的社会政治元素,但是项目是从三个简单的部分组成公正、责任、尊严,对于三者寻求深远的创新。我以为艺术应该是具有公众评论性的、有助于思考问题的。

我请驻中国的一些意大利艺术家针对展览主题的提问,从艺术的角度提出建议,他们为本次展览进行专门的创作。另外我还选择意大利本地艺术家的作品参与进来,体现 “内部”的角度。

 

Special thanks to Andrea Iacono, Ciccio & Meimei

 

 

 

L’evento avrà luogo a Pechino, presso lo Zajia Lab 杂家

Tel: 15601122252 / +10.84049141 – Tue-Sun, 11.30 a.m to late.

Add: Hong En Daoist Temple (beside Bell Tower food market) Doufuchi Hutong, Dongcheng District, Beijing

地址:北京市东城区豆腐池胡同(种楼菜市场旁边)

for further info about the location pls mail to: Ambra Corinti – creative director – ambra.corinti@zajia.cc

 

Cecilia Freschini 茜茜

%ge: it
User-Agent: Mozilla/4.0 justify;”>Contemporary Art Research

www.ceciliafreschini.com

IT Mobile +39 348 7960074

CN Mobile +86 135 21690105

 

 

No Comments

© 2016 A Noi La Parola. All rights reserved.
We are still developing the site. Thank you for your patience.