E’ USCITO “UNO SGUARDO PIU’ IN LA” DI FRANCESCA BELLINO

INTRODUZIONE DI DANIELA CARMOSINO

Aram e Betmultimedia Edizioni

Nel volume “Uno guardo più in là” Francesca Bellino raccoglie parte delle sue cronache di viaggio in luoghi caratterizzati da esperienze di pluralità culturale, etnica e religiosa tra Oriente e Occidente inaugurando la collana “I reportage di 4ARTS” pubblicata in coedizione da Aram e Betmultimedia (13 euro).

Le minoranze cristiane in India e in Siria, i russi di New York, i berberi di Matmata, gli ebrei di Buenos Aires, i tangueros norvegesi, la festa delle luci in Thailandia, la battaglia del vino in Spagna, il ramadān a Tunisi, l’aborto selettivo in Cina, India e Pakistan, esplorazioni estreme sul Monte Sinai, fino alla scoperta dell’America di Ennio Morricone, alla Pisa di Keith Haring, alla Potenza di Vito Riviello, ai paesaggi sardi visti dal treno “suonante” di Paolo Fresu, alle storie dell’ashram di Cisternino, dei Templari in Basilicata e del presente globalizzato di quartieri italiani come San Salvario a Torino e l’Esquilino a Roma sono alcuni dei temi trattati nel libro.

“Si viaggia per varcare nuove frontiere, per poggiare lo sguardo più in là e per lasciarsi cambiare dagli incontri e si scrive per restituire al mondo meraviglia o sdegno, stupore o indignazione. Il tutto in un processo infinito: non si smette mai di viaggiare” scrive l’autrice che in ogni viaggio ascolta, conosce, ricostruisce filologicamente e traduce –nell’accezione più nobile dell’arte della traduzione- i territori in cui s’addentra, così da renderli comprensibili senza “tradirli” con un metodo che esclude ogni prospettiva convenzionale e ogni visione frontale.

Nei suoi reportage narrativi la scrittrice non rifà il verso alla letteratura ma ne utilizza sapientemente alcuni peculiari strumenti: la conoscenza attraverso una prospettiva ‘altra’, spesso a partire da un dettaglio minimo; l’uso ‘poetico’ d’una scrittura che, muovendo dall’asciuttezza del dato di cronaca, ne ridisegna la complessità, la densità, conferendogli vita, voce, forma anche attraverso un’attenta e paziente operazione di accordatura tra l’oggetto stesso e la parola che deve esprimerlo; infine la costruzione di efficaci dialoghi con la gente del luogo, che oltre a vivacizzare il racconto e passare preziose indicazioni senza la mediazione autoriale, rafforzano l’idea-guida di questa raccolta, che la conoscenza avviene attraverso l’ascolto dell’Altro”. Daniela Carmosino

L’autrice

Giornalista, scrittrice, conduttrice e autrice televisiva e radiofonica. Ha pubblicato Il prefisso di Dio. Storie e labirinti di Once, Buenos Aires (Infinito, 2008), Non sarà un’avventura. Lucio Battisti e il jazz italiano (Elleu, 2004) e È ancora vivo! Lucio Battisti risorge attraverso i mezzi di comunicazione (Sottotraccia, 2000). Nel 2009 ha ricevuto la Targa Olaf  al Premio Cronista Piero Passetti e il Premio Principessa Sichelgaita. www.francescabellino.it

No Comments

© 2016 A Noi La Parola. All rights reserved.
We are still developing the site. Thank you for your patience.