ANOILAPAROLA VI INVITA A DFFONDERE QUESTE NOTIZIE, MANDATELE AI GIORNALI, QUOTIDIANI, SCRIVETE SU BLOG, SITI, INFORMATE LA GENTE, CREATE UNA CONSCIENZA CONSAPEVOLE COLLETTIVA. IL 6 GIUGNO E’ VICINO!

 

 

 

Mentre il vivisettore in Senato, Ignazio Marino vivisettore in Senato ringrazia i babbuini (http://www.ignaziomarino.it/news.asp?id=1044)

Ignazio Marino è infatti un ricercatore( http://it.wikipedia.org/wiki/Ignazio_Marino).Si occupa di trapianti e anche di xenotrapianti, trapianti da
una specie all’altra. Gli xenotrapianti sono il tentativo di costruire
delle chimere tramite le modificazioni genetiche, mezzo umano e mezzo
animale, per avere delle fabbriche di organi da prelevare e inserire come
pezzi di ricambio nei corpi umani. Questa idea è stata sperimentata per
decenni, senza molti passi avanti, ma con la morte di decine e decine di
migliaia di babbuini, macachi, maiali, oltre che dei pochi pazienti umani
utilizzati come cavia. Sperimentazione senza limiti di specie.

Il giornalista e veterinario Oscar Grazioli racconta la sua esperienza e il suo punto di vista sulla vivisezione

 

 

Il veterinario scrittore racconta l’orrore della vivisezione

http://www.assovet.eu/single_news_user.php?id=128914

“Vi racconto quel che non ho mai scritto”, queste sono le parole di Oscar Grazioli, ma prima della sua esperienza, lo presento a chi non lo conoscesse. Oscar Grazioli è veterinario, scrittore e giornalista. Ha pubblicato numerosi libri sugli animali, uno sull’anestesia, un libro sulla musica e la poesia degli anni ’80 e ha curato delle agende; versatile e attivo, perché nel frattempo ha svolto la professione di veterinario e ha un suo studio a Reggio Emilia.

In un articolo ha trattato un argomento alquanto controverso, la vivisezione, con schiere di gente a favore e dall’altra parte gente che ne ha orrore. Oscar Grazioli è un dottore, un tecnico potremmo dire, perché non si pensi che la vivisezione sia condotta da pochi eletti scienziati illuminati. È pratica usuale di laboratori di ogni tipo, per le malattie, per pseudoricerche, le più disparate (tutt’ora c’è chi sperimenta la resistenza alla corrente elettrica su cani e gatti), per l’industria cosmetica e via discorrendo, senza dimenticare le università, dove ogni nostro futuro medico e veterinario deve smembrare qualche animale. Oscar Grazioli ha deciso di dire il suo parere e di dire quello che nella vita gli è capitato di vedere dopo essersi laureato.
“Da Cartesio in poi non siamo mai riusciti ad abbandonare un tragico errore metodologico che costringe l’umanità a sprofondare nel buio dell’Alzheimer, del Parkinson, della sclerosi e delle distrofie, studiate su ratti, cani scimmie e anfibi, organismi completamente diversi dal nostro. Milioni di animali, ogni anno, subiscono nei laboratori avvelenamenti con sostanze chimiche, farmaci e cosmetici, induzione di malattie d’ogni genere che sono solo uno specchio deformante, un’imitazione farlocca di quelle umane. Subiscono esperimenti senza senso, utili solo a gonfiare i punteggi per concorsi e stipendio e produrre la compressa che regalerà a noi e alle nostre famiglie, un anno i più, immersi nell’incubo dell’Alzheimer, scandito dalle ore in cui si devono assumere le altre dodici capsule che contrastano gli effetti collaterali delle undici già ingoiate. Con enormi benefici per gli amministratori delegati delle Big Pharms. Vi racconteranno che usiamo sempre gli stessi argomenti: le migliaia di focomelici causati dalla Talidomide (che non si verificarono sui topi), tiriamo fuori le vecchie e consunte foto in bianco e nero con gli elettrodi piantati nel cervello delle scimmiette. Roba da 1800!
E allora vi racconto quel che non ho mai scritto. Io ci sono stato in quel tipo di laboratori (non quelli della Harlan). Circa 25 anni fa, quando ero uno dei pochi veterinari che curava scimmie, ci andai per imparare alcune tecniche di diagnosi. Quello che ho visto mi sveglia ancora di notte, sudato.

I cercopitechi schiacciati dalla parete mobile di lamiera contro le sbarre che perdevano bava e urina e schizzavano feci ovunque, per il terrore. Uno aveva la testa rivolta verso di me e l’occhio ricadeva dall’ orbita, mentre le urla perforavano i timpani. «Tanto ne hai per poco», il commento dell’addetto. Dopo un’ora era sul tavolo, accanto a un macaco cui dovevano togliere i reni. Dopo l’incisione sull’addome, gettava fuori le viscere dal corpo. L’anestesia era un po’ superficiale. Amen. Passavi tra le gabbie dei Resi e, se acuivi l’olfatto, potevi sentire, nell’oscurità, il profumo del terrore. Non serviva acuire l’udito per sentire i gemiti di chi era tenuto in vita perché l’esperimento lo richiedeva. Una volta uscito all’aria, ho vomitato.
Tutto questo si verifica ancora, in tutto il mondo e la ragione umanitaria per cui questi sacrifici sono «necessari»rappresenta la più tragica balla che vi hanno mai raccontato.”

da: Net1News

 

 

No Comments

© 2016 A Noi La Parola. All rights reserved.
We are still developing the site. Thank you for your patience.