REA

Tanti protagonisti insieme per celebrare  una serata speciale all’Auditorium del Massimo di Roma

“SETTE NOTE PER OTTO PASSI AVANTI”   PROIEZIONE DEL DOCU-FILM “OCHO PASOS ADELANTE” E CONCERTO con DANILO REA, TOSCA, PIER CORTESE, PILAR, ILARIA GRAZIANO E FRANCESCO FORNI, GIOVANNI BAGLIONI, FRANCESCO TASKAYALI

Roma celebra la Giornata mondiale dedicata all’autismo con una serata unica dal titolo “SETTE NOTE PER OTTO PASSI AVANTI”.

In contemporanea con l’evento organizzato al palazzo delle Nazioni Unite di New York, il 2 aprile a Roma, all’Auditorium del Massimo, andrà in scena una gran soirée ricca di musica ed emozioni:

La proiezione del film-documentario sull’autismo “Ocho pasos adelante”, girato in Argentina dalla giovane regista italiana Selene Colombo, ed il concerto di un raffinato ed eterogeneo gruppo di artisti che vedrà alternarsi sul palco dell’Auditorium del Massimo, Danilo Rea, Tosca, Pier Cortese, Pilar, Ilaria Graziano & Francesco Forni, Giovanni Baglioni e Francesco Taskayali.

Sempre il 2 aprile le Nazioni Unite tributeranno uno speciale riconoscimento al lavoro di Selene Colombo dedicato alla diagnosi precoce dell’autismo proiettando il documentario nel palazzo di vetro del Onu, nella prestigiosa ECOSOC Chamber, davanti alle delegazioni di 193 paesi.

L’appuntamento romano – alle ore 21 all’Auditorium del Massimo all’Eur, biglietti da 10 a 20 euro – sarà condotto da Elisabetta Pellini e Gianluca Nicoletti il quale, al complesso rapporto con il figlio autistico, ha dedicato un commovente libro (“Una notte ho sognato che parlavi”).

L’intero ricavato della serata andrà all’Associazione Culturale Pediatri (Acp). Obiettivo? Lavorare sulla diagnosi sempre più precoce della patologia. Come? Con l’istituzione di corsi specifici per far conoscere agli operatori degli asilo nido di Roma i campanelli d’allarme per identificare i bambini a rischio Dsa.

 “Tutti pensano che l’autismo, fenomeno di cui non si conoscono le cause, sia ancora un mistero. Ed in gran parte lo è. Ma- spiega Selene Colombo, regista di ‘Ocho pasos adelante’-  su una cosa la comunità scientifica internazionale e l’Organizzazione Mondiale della Sanità sono unanime: nell’ammettere quanto sia importante la diagnosi precoce possibilmente entro i primi 2 anni di vita”. Partendo da questa considerazione e dal fatto che non esiste ad oggi un’informazione efficace su quanto sia possibile, accessibile e facile riconoscere i sintomi dell’autismo, “l’idea di fare un film si è presto trasformata in un dovere sociale e in una mia profonda esigenza personale. Ma- conclude la regista- onestamente non pensavo che il mio documentario sarebbe stato scelto all’estero per fare lezioni sull’autismo e che sarebbe approdato nel sacro tempio del palazzo di vetro delle nazioni Unite”.

 “Sono felice di contribuire ad un evento importante come questo- ha spiegato Pier Cortese, tra gli artisti che partecipano al concerto- e ringrazio gli organizzatori di avermi invitato. Il 2 aprile è il momento dell’attenzione verso il mondo dell’autismo e verso la diagnosi sui bimbi più piccoli. Spero che la musica possa contribuire ad accendere una luce azzurra ancora più intensa. Io ce la metterò tutta. Vi aspetto in tanti”.

 ticket: www.boxofficelazio.it

info: 338.1611137; acusticanto@gmail.com

 

No Comments

© 2018 A Noi La Parola. All rights reserved.
We are still developing the site. Thank you for your patience.