INCHIESTA DI ALTROCONSUMO SUI PRESTITI PER ACQUISTI.

MOLTI CADONO NELLA “RETE DELLE RATE”. BANKITALIA RISPONDE  ALL’INCHIESTA IN 284 PUNTI IN 9 CITTA’ ITALIANE.

Tempi duri per chi prova a fare acquisti anche “piccoli”, ad esempio un elettrodomestico, articoli sportivi o anche dei mobili, e ha la brillante idea di pagare a rate, e di questi tempi sembra esserlo un cospicuo numero di italiani, tempi duri dicevamo perchè cade nella trappola della cattiva informazione e dei tassi salati, nascosti nel pagamento dilazionato.

E’ quanto emerge dall’inchiesta condotta da Altroconsumo in 284 negozi di 9 città italiane: Bari, Bologna, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Roma, Torino e Verona. Bankitalia sostiene l’associazione recependo l’indagine nell’attività di vigilanza. Analizzate 323 offerte di rateizzazione. Valutati trasparenza su costi e condizioni del prestito (foglietti informativi, indicazioni TAEG). Studiate anche le carte fedeltà (promozioni e raccolte punti) offerte dalle catene commerciali con funzione revolving.

“L’opacità delle informazioni – continua l’Associazione – è la nota dolente che emerge dall’inchiesta: pur essendo un obbligo normativo, nei 284 punti vendita sono stati consegnati solo 10 foglietti informativi con indicazioni della rateizzazione. Per ben 274 volte sono stati consegnati al consumatore solo dei volantini pubblicitari”.

E sempre secondo l’associazione “Altroconsumo” per quanto riguarda il “TAEG, il tasso annuo effettivo globale che dà al consumatore l’idea del costo complessivo dell’acquisto, ben oltre la metà degli esercizi commerciali sono fuorilegge: il 63% non ha fornito l’informazione corretta; di questi il 39% ha fornito un TAEG sbagliato (rispetto alle rate e alle spese comunicate) e il 24% non ne ha fornito alcuno”.

Eppure l’ Italia sembra essere, almeno sulla carta uno dei paesi europei che più “garantisce” la trasparenza amministrativa, nella realtà però assistiamo al solito fenomeno – tutto italiano – per cui il cittadino sembra essere ancora suddito, e quindi non essere informato senza l’inganno  dei venditori.

“Nonostante il richiamo della Banca d’Italia a non utilizzare il contesto del punto vendita per far adottare le carte revolving (quelle che accendono una linea di credito da pagarsi a rate con tassi salatissimi) nel corso dell’inchiesta sono state offerte 12 carte fidelity revolving il cui tasso medio, se utilizzate fuori dalla catena dell’insegna, era del 18,47% con punte del 21,56%. Non certo un buon affare”.

L’intento ed il consiglio di Altroconsumo nei confronti dei consumatori è chiarissimo: “Urgono elementi strutturali che migliorino la trasparenza dell’offerta nel credito al consumo: dall’indagine balza all’attenzione la scarsa trasparenza che caratterizza le offerte nel 63% dei casi”.

La situazione è stagnante nelle modalità e nel tempo, infatti da indagini effettuate nel 2007 e nel 2009 gli operatori peccavano in chiarezza e correttezza nel 72% e nel 69% delle volte. “Auspichiamo adesso che Bankitalia – concluse infine l’Associazione Altroconsumo – passi dalle parole ai fatti, non solo invitando i soggetti del credito al consumo a un maggiore sforzo organizzativo, ma individuando meccanismi sanzionatori. Aspettiamo al varco l’applicazione effettiva nel 2011 della legge di recepimento della direttiva europea 2008/48 sul credito al consumo, che responsabilizzerà maggiormente l’intermediario e sposterà l’attenzione sulla leva della trasparenza dal bene che si acquista, il prodotto stesso, al fruitore, il consumatore”.

Giorgio De Santis

No Comments

© 2016 A Noi La Parola. All rights reserved.
We are still developing the site. Thank you for your patience.