Il concerto del primo maggio

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell’ Autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Anoilaparola, che rimane autonoma e indipendente.

Fa piacere vedere come il concerto del primo maggio tenga il polso del paese centrandone i problemi.

Quanto è bello sapere che è importante lottare, a detta di un cantante, contro lo sfruttamento dei cammelli del deserto; quanto è rassicurante sapere che i nostri grossi problemi sono dovuti all’oscurantista abiura a cui parecchi secoli fa fu obbligato Galileo da una Chiesa, tuttora considerata la causa di tutti i mali: dalla crisi economica, alle pandemie fino agli uragani.

Noto con orgoglio che non viene bocciato questo governo, eletto a furor di popolo; per come si stia adoperando a risolvere i problemi del forte impoverimento del paese, aiutando la gente con sussidi di ogni genere e mandandola semplicemente nel luogo più confortevole che esista: a casa.

Fa piacere avere un Presidente del Consiglio che si è formato in ambienti “alternativi” lavorando per una importante filantropica onlus che da sempre aiuta il suo prossimo soffocandone anche il successivo: la Goldman & Sachs.

La libera informazione fa anch’essa la sua parte in questo banchetto a base di senno, nell’ostile stile dello stiletto, ci fa partecipi di questa italia che rinascerà a suon di libertà, uguaglianza, democrazia e diritti umani, in un mondo nel quale si avrà il diritto di rivendicare diritti ma non il diritto di sopravvivere all’algida danza delle spire per la tirannia dei numeri!

DAVID

No Comments

© 2016 A Noi La Parola. All rights reserved.
We are still developing the site. Thank you for your patience.